Progetti

“Eles & Eu” – Roberto Taufic SOLO concert


Dopo anni di esperienze nei più diversi contesti musicali, il chitarrista e compositore Roberto Taufic realizza il suo primo CD di violão solo, “Eles & Eu”: interpretazioni di vari autori – “Eles” – e composizioni originali -”Eu” – espresse da sei magiche corde attraverso le quali emerge una grande maturità artistica, combinazione fluida ed armoniosa di suono, arrangiamento, tecnica ed improvvisazione.
Con stile ritmico e giocoso ma allo stesso tempo lirico e pieno de saudade, “Eles & Eu” traduce il labirinto emotivo di chi suona e lo trasporta senza mediazioni ai labirinti uditivi di chi ascolta. Dai brani originali al Brasile di Guinga, Chico Buarque, Edu Lobo e Tom Jobim; dal jazz di Monk e Metheny alle note di Chopin, il timbro delicato e caldo della chitarra punta senza fronzoli al cuore dell’emozione, senza mai perdere di vista la centralità della comunicazione e la voglia di mettere i colori del suono al servizio del dialogo tra artista e pubblico, nel rapporto tra strumento e musica.

“Chitarrista raro totalmente posseduto dall’arte; suona la “musica delle note”, comunica con l’invisibile; una manifestazione emozionante che dipende dalla chitarra soltanto come traduttrice di parole in apparenza impossibili da esser dette da uno strumento.
Grazie Roberto, la musica ti è riconoscente!
(Guinga)

“Roberto è un musicista completo. Ha una tecnica impeccabile sempre a servizio dell’essenza della musica, una profonda conoscenza armonica ed un incredibile senso ritmico. Di più, quando si tratta di ritmo va sottolineato che Roberto viene dal nordest del Brasile ed ha assimilato in modo profondo e particolare tutti gli elementi ritmici di questa regione, come il samba-de-côco, il baião, lo xote, il frevo e il maracatu. Questa consuetudine di anni si è trasformata in un grande bagaglio musicale che dà luogo ad un’espressione propria e caratteristica. Ora Roberto ci sorprende con un nuovo lavoro di eccellente qualità. Opta per esprimersi nella forma più trasparente possibile – la sola chitarra – e sceglie un repertorio equilibrato e di estremo buon gusto. Questo è il nuovo lavoro di Roberto: pulito, trasparente e di grande raffinatezza. Sono felice, onorato e commosso diaccompagnare l’uscita di un disco di questo livello.” (Marco Pereira)

“Roberto Taufic è una di quelle piacevoli sorprese che capitano quando si pensa di aver già visto e sentito tutto. Mi ha impressionato ascoltare il lavoro di questo incredibile musicista, che ancora non conosco di persona ma che devo veder suonare per sapere se è vero quanto ho sentito. Dopo aver ascoltato una volta di più il suo cd Eles ho dovuto scrivergli domandando: “Ma quella registrazione di Upa Neguinho l’hai fatta d’un fiato oppure in più play-backs (in sovraregistrazione)?” Con la semplicità che è solo dei grandi mi ha risposto che è stata fatta in un’unica ripresa, senza nessun play-back, e che tutto il cd è stato registrato in due giorni! Mi dispiace per Roberto, perché non ha più nulla da imparare sul suo strumento, mentre io ho il vantaggio di poter passare altre tre reincarnazioni studiando per provare ad approssimarmi al mio omonimo.” (Roberto Menescal)

“Il disco e’ bellissimo, il suono, i pezzi, l’armonia, il tempo, la maestria sullo strumento; fa venire voglia di studiare, anche se, come dice Roberto Menescal, non basterebbero tre vite per questo. Ma non importa… (Sandro Gibellini)

“Conosco Roberto da molti anni e dal 2004 suoniamo insieme con il nostro duo JogodeCordas.
Mi sento quindi di poter affermare che l’intensità, la poesia e la profondità di questo suo ultimo lavoro discografico non è solo dovuta alle sue talentuose capacità musicali, ma molto al fatto che la persona che suona è una persona meravigliosa, dalle alte qualità umane. Roberto possiede la caratteristica del grande artista di “suonare” veramente se stesso attraverso il proprio strumento. E’ soprattutto questo, a mio avviso,che ha portato agli eccellenti risultati di questo cd”

(Luigi Tessarollo)

FAN PAGE

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

“Duo Taufic” – Roberto Taufic & Eduardo Taufic

Duo taufic x site 2

“Duo Taufic” è il risultato dell’unione di due grandi musicisti che celebrano un connubio più che familiare. La versatilità e la peculiare sonorità del duo riflette il bagaglio musicale acquisito durante diversi anni e le infinite possibilità creative generate dal dialogo tra la chitarra classica e il pianoforte. Discendenti di arabi, i due fratelli Taufic coltivano l’amore per la musica sin da quando erano bambini.
Eduardo Taufic nasce a Natal, Brasile. Pianista, compositore, arrangiatore e produttore musicale, da giovane ha accompagnato diversi artisti facenti parte dello scenario della musica strumentale brasiliana, come Arthur Maia, Ebinho Cardoso, Zé Canuto, Pascoal Meirelles, Ricardo Silveira, Ney Conceição, Sérgio Groove, Di Steffano, Manoca Barreto e Jubileu Filho. Ha prodotto ed arrangiato più di 200 lavori discografici e lavorato con cantanti brasiliani come Elza Soares,  Fagner, Wilson Simonal, Renato Bràs ed altri.

Nel repertorio del “Duo Taufic”, un tocco di Brasile, un sapore multietnico, un pizzico di jazz in un repertorio di brani originali e riarrangiamenti di standards conditi con molta fantasia ed improvisazione.

Nuovo CdTodas as cores

capa

Dopo aver percorso vari paesi con lo show “Bate Rebate”, che è anche titolo del primo cd insieme, il Duo Taufic, formato dai fratelli Eduardo e Roberto, presenta il nuovo album intitolato “Todas as cores”. Il duo considera il primo cd (prodotto dal polistrumentista André Mehmari) un segno nella propria traiettoria, poiché in esso si avverte la forte identità sonora dei fratelli, esito del dialogo continuo e rispettoso tra pianoforte e chitarra. Lo stesso cd “Bate Rebate” ha ricevuto le critiche più brillanti e il miglior riconoscimento del pubblico, con speciale rilievo per le composizioni originali e il modo particolare di interpretarle. Come scrive il maestro Egberto Gismonti: “Il duo è totalmente affettivo, amico, amorevole, traboccante di sentimenti buoni con ottima musica suonata dai fratelli Taufic come fossero 1 in 2 o 2 in 1”…. E ancora Roberto Menescal: “Questi fratelli, Roberto e Eduardo, gemelli di musica, sono semplicemente geniali”…
Senza perdere questa dimensione artistica, il Duo Taufic immerge la propria creatività in un nuovo lavoro, ancor più maturo ed omogeneo, con nuove composizioni originali e alcune riletture di classici della MPB, come “Upa neguinho” di Edu Lobo. Così nasce “Todas as cores”, registrato a Milano (Italia) durante una tournée in Europa. Il nuovo disco porta con sé un’atmosfera totalmente emotiva, con nuove e vecchie musiche che arrivano come un carosello di suoni, stili, colori e irriverenza….
Il virtuosismo dei due fratelli si fonde con l’eleganza e la trasparenza dei suoni, dove ogni tema ha un senso melodico profondamente avvolgente. È come passare per la tecnica senza perdere la nozione del bello, giungendo ad una estetica ideale per una musica viva e delicata. Il Duo Taufic cerca sempre di emozionare, impressionare, amare; cerca una musica che fluisce, respira, coinvolge, rendendo felice chi la ascolta.
“Todas as cores” fa trasparire il calore di questa musica che ci abbraccia forte e che rappresenta una nuova era nella musica brasiliana.

Cd Bate Rebate

Video promozionale

“Due fratelli come si son visti di rado.  Quanto si vogliono bene…(e ce lo dimostrano tramite gli accordi, le melodie, i silenzi, gesti, pianti, risate e sghignazzate musicali).
E conversano in un modo così bello!  Con un affetto cristallino e limpido che fluisce da cuore a cuore, senza interferenze o filtri.  Voce dello strumento che è naturale, necessaria e chiara: suono che batte, suono che risponde, echeggia e riecheggia nell’anima di chi ascolta. E ci fa felici”.
André Mehmari

“Il CD Bate Rebate ha un equilibrio estetico felice e magico che mi sorprende ed emoziona molto. La perfetta coniugazione tra consegna e felicità, emozione e tecnica, erudito e popolare, raffinatezza ed spontaneità, in altre parole, le qualità rare trovate soltanto nei veri capolavori.” Gabriele Mirabassi

“Questi fratelli, Roberto ed Eduardo, gemelli nella musica, sono semplicemente geniali. Soltanto gemelli possono suonare, respirare, traspirare, e muoversi sulle note con questa dinamica, come sono in grado di fare nei loro concerti. é un orgoglio per tutta la nostra classe musicale vedere che il Brasile produce musicisti come questi due. Io mi dichiaro fan completamente conquistato da questa accoppiata gemella nella musica e nella sensibilità.” Roberto Menescal

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Roberto Taufic/Gabriele Mirabassi DUO

“Due viaggi in direzione opposta, un’andata e un ritorno che si incrociano a mezza strada: così si potrebbe definire l’incontro tra i due musicisti. Mirabassi scopre il Brasile una decina d’anni fa e da allora lo frequenta con tanta assiduità da farlo diventare un punto di riferimento centrale della sua esperienza umana e musicale. Taufic è partito da Natal, nel nord-est del Brasile, da ragazzo alla volta dell’Italia, dove in qualche modo ha compiuto il percorso inverso, lasciando che l’atteggiamento europeo nei confronti del jazz fecondasse la sua atavica lingua musicale. Da qui nasce “Um Brasil diferente“, la rilettura di un repertorio di canzoni e pezzi strumentali di varie epoche che hanno in comune l’aver rappresentato il suono di generazioni intere di brasiliani (Jongo de compadres, As Rosas Não Falam, Quem te viu, quem te vê, Desalento, Violão Vadio, Tempo feliz, Desprezado, Noite e Suburbano Coração), alle quali si aggiungono composizioni originali (O mar nos teus olhos, Maxixando e Valsinha pra Duda di Taufic e Arrivederci e grazie di Mirabassi) sempre legate a doppio filo all’idea dello sguardo da lontano, cercando quella prospettiva e quella nitidezza di visione che si guadagna solo allontanandosi dall’oggetto guardato. Un Brasile profondo, identitario oggetto di rispetto e affetto, visto da un angolo peculiare, che i due protagonisti hanno scoperto di avere in comune a questo punto dell’andata dell’uno e del ritorno dell’altro.”
“Nato in Honduras da genitori Palestinesi, cresciuto in Brasile tra samba, Elvis Presley, cucina araba, rodas de Choro, rock e Luiz Gonzaga ed approdato in Italia nei primi anni 90, quando si suonava ancora la bella musica popular Brasileira nei locali e quando ho iniziato ad avere la possibilità de collaborare con musicisti ed artisti Italiani e di diversi paesi, il mio modo di suonare il Brasil non poteva che essere Diferente”, sottolinea nella sua introduzione al disco Roberto Taufic. “È stato molto bello e stimolante incontrare ad un certo punto Gabriele, che avendo fatto un percorso contrario al mio, si è immerso totalmente nel Brasile dei grandi compositori con l’atteggiamento di un bimbo che conosce dei nuovi amici. Il nostro disco diventa così il punto di incontro dei due strumenti, la chitarra brasiliana ed il clarinetto jazz e classico”.
“Pur essendo nato cresciuto e sempre vissuto tra le colline umbre, quel clarinetto che mi sono trovato prestissimo tra le mani ha rappresentato da subito una straordinaria opportunità di andare incontro al mondo”, precisa Gabriele Mirabassi. “Non solo continua a portarmi in giro per tutti i continenti, ma soprattutto mi regala continuamente l’impagabile privilegio di fare incontri straordinari. Questo nostro pianeta infatti nasconde (ma solo a chi non vuole nemmeno fare il piccolo sforzo di stare con occhi e orecchi aperti) un tesoro infinito di musiche meravigliose. E dietro ogni musica c’è gente altrettanto meravigliosa che se ne prende cura, chi suonando, chi cantando o danzando, chi “semplicemente” ascoltando”.

Um Brasil Diferente

Ufficio stampa Dodicilune
Società Cooperativa Coolclub
Piazza Baglivi 10, Lecce
Tel e Fax: 0832303707
Mobile:  3394313397 – Mail: ufficiostampa@coolclub.it

Management
Produzioni Fuorivia – Alba – ITALIA
info@produzionifuorivia.it
www.produzionifuorivia.it
tel. +39 0173 366549

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Roberto Taufic/Giancarlo Maurino DUO

Il duo di Giancarlo Maurino & Roberto Taufic nasce dalla profonda amicizia che lega Roberto e Giancarlo e da una grande affinità di gusti musicali. E questa affinità tocca ovviamente Tom Jobim. L’ intesa artistica si è consolidata condividendo esperienze significative come la tournee brasiliana nel ’94, in trio con Elza Soares, ed il progetto del gruppo Latin Touch. La musica proposta dal duo spazia da brani originali a classici, da Jobim a Guinga, con sonorità jazz e riletture di standards e blues. Atmosfere delicate si susseguono a momenti più intensi e coinvolgenti sempre sostenuti da una buona sensazione ritmica e da una libertà espressiva dovuta ad una grande intesa umana e artistica.
Giancarlo Maurino Djanian, sassofonista, compositore e arrangiatore, è nato a Kuwait City da padre italiano e madre armena. Autodidatta, studia prima il pianoforte sotto la guida della madre per poi passare al flauto ed al sassofono. Vive l’esperienza degli anni ’70, partecipando ad importanti manifestazioni nazionali di jazz come Umbria jazz, Ravenna, Pescara … collaborando con vari musicisti tra cui Enrico Pierannunzi , Franco D’andrea, Don Cherry, Maurizio Giammarco, RitaMarcotulli, Giovanni Tommaso, Enrico Rava… Nel ’76 incide con Charles Mingus la colonna sonora del film “Todo Modo”. Sassofonista apprezzato e richiesto per il linguaggio personale, una insolita vena lirica ed il timbro particolare del suo strumento, incide varie colonne sonore con maestri quali Trovajoli, Piccioni, Morricone, Ortolani, Donaggio ed altri. Partecipa anche ad incisioni di musica leggera con Gianni Morandi, Renato Zero, Amii Stewart, Del Newman, etc. Nello stesso periodo cura anche gli arrangiamenti in particolare di Zero e Di Capri. Sempre impegnato nella ricerca di nuove sonorità, passa attraverso diversi generi musicali. Nel ’94 svolge una intensa attività concertistica e televisiva in brasile con Elza Soares e Roberto Taufic. Dal ’95 ad oggi ha collaborato con diversi artisti tra cui Karl Potter e Dick Halligan, pianista, arrangiatore e compositore co-fondatore dei Blood Sweat and Tears.

“C’è un elemento familiare sempre presente in tutte le composizioni che rende questa musica godibile per tutti quegli ascoltatori che hanno una sensibilità e una capacità di apprezzare brani suonati con innocenza e gioia incontenibile!”
(Wayne Shorter)

“E’ raro sentire un CD di tale fattura! Se al primo ascolto la musica di Giancarlo Maurino e Roberto Taufic vi lascerà una netta sensazione di appagamento ma anche di curiosità per la sua freschezza e per la bellissima melodia è negli ascolti successivi che scoprirete un vero e raffinato duo che si incontra sul piano della poesia e dell’interplay. Un caleidoscopio di colori vi accompagnerà, in viaggio tra le Americhe e l’Italia, portandovi per mano attraverso l’essenza del suono che a mio avviso resta, in questo lavoro discografico, il motivo ispirante capace di raccontare con la parola sussurrata di un sax o di una chitarra.
E’ in questo senso che le composizioni originali e le rivisitazioni dei brasiliani di Guinga e Jobim (oltre ad un evergreen come ‘The days of wine and roses’ di Henry Mancini) diventano pretesto per trasformare un incontro a due in un’opera corale articolata e scarna nello stesso tempo.
”
(Paolo Fresu)

http://www.myspace.com/maurinotauficduo

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Jogo de Cordas – Roberto Taufic/Luigi Tessarollo DUO

“La chitarra è uno strumento nato prima del pianoforte, questo bisogna riconoscerlo.Non foss’ altro che per questo, i pianisti sono tenuti a portare rispetto ai Maestri della chitarra. Per questo motivo indosso un cappello,unicamente per potermelo poi prosaicamente togliere di fronte a Tessarollo e Taufic che in questo disco invece di scontrarsi si incontrano per creare bella musica.Il contrario esatto di quello che hanno fattomolti musicisti jazz nel passato, che suonavano insieme spesso per il gusto di scoprire chi dei due avrebbe surclassato l’altro. Incredibile, insomma…soprattutto per chi conoscelo smisurato ego che accompagna solitamentela figura del chitarrista…!Che Tessarollo e Taufic vadano così ad inaugurare una tradizione?
Speriamo di no, onestamente: difficile ripetere una trovata del genere se non si ha la sensibilità
e la voglia di mettersi in discussione dei due che state per ascoltare.”

(Stefano Bollani)

I due artisti  presentano un concerto che fonde e integra le loro diverse connotazioni stilistiche. La loro attività nell’ambito della musica jazz e brasiliana e  l’interesse reciproco per la melodia mediterranea e le sonorità acustiche ha permesso il successo di questo  connubio. Il concerto è composto  prevalentemente da composizioni originali e  alcuni arrangiamenti di melodie molto note in un  repertorio tratto in gran parte dal loro cd  “Jogo  de cordas”. Recentemente è stato anche realizzato il dvd live omonimo. il duo  Tessarollo – Taufic , oltre alle numerose esibizioni  in rassegne e festival chitarristici specializzati ,  ha rappresentato il jazz italiano al Medals Plaza per le Olimpiadi di Torino . Siete invitati caldamente ad ascoltare alcune esecuzioni di altissimo livello al sito www.myspace.com/tessarollotauficduo in cui troverete ampie notizie informative sull elevata caratura dei due artisti.

Luigi Tessarollo, è una figura di spicco nel panorama jazz nazionale, ha tenuto concerti a New York e Boston, in molti Jazz Festival internazionali in Europa e nei più prestigiosi Festival Jazz italiani. Ha collaborato, spesso in progetti stabili e discografici e in qualità di leader (ha 25 dischi all’attivo) con la maggior parte dei più noti musicisti jazz Italiani. Ha rappresentato, con composizioni proprie, il jazz italiano al Grenoble Jazz Festival e al Medals Plaza per le Olimpiadi di Torino. E’stato chitarrista dell’Orchestra Nazionale dei Musicisti Jazz Italiani. Numerose anche le sue esperienze professionali iniziate all’età di 14 anni (…chitarrista di Gloria Gaynor, della RAI-TV negli anni ottanta, ospite su Raiuno, Raidue, Canale 5) Intensa è l’attività didattica di Tessarollo: dal 2006 viene invitato a Malta dallo Europe Institute per Master Class e concerti. E’ direttore dei corsi di musica d’insieme del Due laghi jazz workshop per il Dipartimento di Jazz dell’Universitt fr Musik di Graz. Dal ’98 è assistente-insegnante per la Berklee School di Boston a Umbria Jazz. E’ diplomato al Conservatorio in Chitarra Classica e in Musica Jazz. E’ attualmente docente di Chitarra Jazz al Conservatorio di Torino e di Storia del Jazz al Conservatorio di Genova.

Nuovo Cd “PAINTING WITH STRINGS” (LUTE-2012)

“Il nuovo cd di Luigi Tessarollo e Roberto Taufic è semplicemente bellissimo. Ricco di brani straordinari e interplay… una vera delizia per le orecchie.” (John Abercrombie – New York)

http://www.myspace.com/tessarollotauficduo

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Contigo en la Distancia

Barbara RaimondiVoice

Roberto Taufic - Classical Guitar

Enzo ZirilliPercussions

“If it’s pure joy you require, then the group, Contigo en la distancia will transport you from Chile to Mexico, via old Italy, with such passion and fervour it’ll make you dance, smile and cry!
The combined talents of super percussionist and drummer, Enzo Zirilli, the clear-voiced Barbara Raimondi and the super virtuoso guitar of Roberto Taufic will take you on an unforgettable journey, showing us old Latin melodies, music of the people, beautiful traditional ballads..all sounding fresh and perfect for today. I loved it.” Ian Shaw (London. October, 2011)

Contigo en la distancia