Stampa

BIOGRAFIA

Scheda concerto solo “Eles & Eu”

“Eles & Eu” – Comunicato stampa


REVIEWS

MusiBrasil (Antonio Forni) – 21/03/2012

Il cd “Bate Rebate” (Botta e Risposta) è eccezionale!!! Questi fratelli, Roberto ed Eduardo, gemelli nella musica, sono semplicemente geniali. Soltanto gemelli possono suonare, respirare, traspirare, e muoversi sulle note con questa dinamica, come sono in grado di fare nei loro concerti. é un orgoglio per tutta la nostra classe musicale vedere che il Brasile produce musicisti come questi due. Io mi dichiaro fan completamente conquistato da questa accoppiata gemella nella musica e nella sensibilità. “I miei più caldi complimenti, categoria TOP DI LINEA!!!”
(Roberto Menescal)

“Il CD Bate Rebate ha un equilibrio estetico felice e magico che mi sorprende ed emoziona molto. La perfetta coniugazione tra consegna e felicità, emozione e tecnica, erudito e popolare, raffinatezza ed spontaneità, in altre parole, le qualità rare trovate soltanto nei veri capolavori.” (Gabriele Mirabassi)

“Sentire il cd Bate e rebate dei fratelli di sangue, di anima e di musica Roberto e Eduardo Taufic è imbarcarsi in un viaggio che ci porta avanti e indietro nella storia della musica strumentale brasiliana. Viene in mente Egberto (Gismonti), Hermeto (Pascoal)… é talmente tanta ispirazione, tanta facilità coi rispettivi strumenti, tanta fluidità, tanti ritmi e bellezza… Dire cosa, ragazzi, sinceramente, cosa dire? Dire niente. Ascoltarlo senza stancarsi, ecco. La musica è tutto. Voi sapete, voi potete. Grazie. E punto.” (MONICA PAES (Radio Popolare Network – Milano)

jazzconvention (Fabio Ciminiera) 16/04/2010uno dei principali meriti di Taufic è quello di lasciar passare quasi inosservata la sua tecnica – per quanto necessaria nella gestione di un disco in solo – per puntare senza mediazioni alle emozioni, al racconto, alle suggestioni …

Mellophonium (Adriano Ghirardo) 26/04/2010

“Roberto Taufic, quarantaquattrenne chitarrista brasiliano da tempo adottato dal nostro paese, è noto alla critica jazz soprattutto per la sua collaborazione con Gabriele Mirabassi pur avendo fornito l’apporto delle sue corde a vari progetti musicali con musicisti italiani ed internazionali. In questo doppio cd solitario il programma è chiaro fin dal titolo: “Eles e Eu” cioè “Loro ed Io” in quanto il primo cd è dedicato in gran parte alla rilettura della tradizione brasiliana – ad eccezione della monkiana “Round midnight” rivista in chiave bossa, della methenyana “Better days ahead” ed alla sorprendente rilettura di un notturno di Chopin – mentre la seconda parte mostra il lato più personale con un Taufic alle prese con composizioni proprie. Nelle 27 tracce che compongono questo riuscito lavoro Taufic alterna la malinconica poesia tipica della tradizione brasiliana a ritmiche brillanti denotando, oltre ad una notevole tecnica, gusto armonico e sensibilità interpretativa. Tra le composizioni più riuscite sono da segnalare il virtuosismo di “Bate e rebate”, la struggente melodia di “Valsinha pra duda” e lo sperimentalismo di “Deu a doida” ma è l’atmosfera generale del disco, pur nella specificità della chitarra solitaria, che rischia di relegarlo ad un ascolto settoriale. Taufic, invece, ci regala il ritratto di un musicista che meriterebbe una fama superiore a quella conquistata nella sua ormai più che ventennale carriera.”

Empedocle70 28/03/2011

“Chitarrista dalla notevole vena intimistica e confidenziale Roberto Taufic incide nel 2010 questo doppio cd per il suo esordio da solita, che ne rivela la sua caratura di artista a 360 gradi, abile e preparato nei diversi ruoli di arrangiatore, interprete e compositore. Il primo cd (Eles) è interamente dedicato alla interpretazione di classici e di standard della tradizione musicale brasiliana e del jazz di autori come Jobim, Gilberto Gil, Guinga, Edu Lobo, Chico Buarque, Ary Barroso, Thelonious Monk e Pat Metheny tra cui segnalo le eccellenti versioni di brani come “Desafinado” e “Chovendo na roseira” dove Taufic fa risaltare tutte le sfumature di cui è capace la musica popolare brasiliana, lo standard “Round Midnight”, uno dei brani migliori del disco, assieme a “Better Days Ahed” di Pat Metheny, arrangiata in modo eccellente dimostrando una volta in più, se fosse necessario, quanto la musica brasiliana abbia influenzato il chitarrista jazz americano. Ciliegina la versione del Nocturne op.9 no.2 di Chopin, intensa, struggente e lirica.
Sempre di eccellente livello anche il secondo cd, tutto di composizioni dello stesso Taufic. Se è difficile poter competere con geni del calibro di Jobim, Taufic riesce benissimo a coinvolgere l’ascoltatore nella sua sensibilità strumentale e interpretativa in brani come “Das tuas lagrimas”, “Bate e rebate”, “Maxixando”, “Retrato de um dia” e “Enigmatico”. Dodici composizioni brevi, essenziali, delicate, veri acquarelli musicali caratterizzati da una grande padronanza tecnica messa al servizio di atmosfere e colori. La sensazione finale è quella di un lavoro estremamente onesto e ben fatto, giusta conseguenza di un modo di suonare e di interpretare la chitarra privo di effetti speciali e con le sole armi della perizia tecnica e della sensibilità musicale.
I chitarristi apprezzeranno anche il fatto che gli spartiti delle musiche sono allegate ai cd in formato pfd.”
Viva il Brasile.

MusicIn Feedback (Romina Cuffia) dic 201

Guitar load (Fernando Paul) – 11/07/2011

Musibrasil (Mauro Montalbani) – 12/05/2010

Moro na Italia (intervista a Massimo Canizzarro)

RADIOATTIVITA 2007 (intervista a Francesco Giordano)

CHITARRE settembre 2010 (Mario Giovannini)

AKUSTIK GITARRE August 2010 (Stefan Franzen)

CHITARRE E DINTORNI may 2011 (Andrea Aguzzi)

ALLABOUTJAZZ may 2011 (Mario Calvitti)

Roberto Taufic

Roberto Taufic 1

Roberto Taufic 2

Rob Taufic 3